Fielmann AG: i primi sei mesi del 2020

Le misure necessarie per contenere la pandemia del Coronavirus hanno avuto un impatto significativo sulle performance finanziarie di Fielmann AG durante la prima metà del 2020.

Marzo-maggio 2020

A metà marzo il gruppo ha modificato le sue normali attività offrendo un servizio di assistenza dedicato alle urgenze per supportare le attività essenziali. Con l’introduzione dei suoi standard di igiene, l’azienda è stata in grado di salvaguardare la salute sia dei suoi clienti che dei suoi collaboratori. Le vendite relative al mese di aprile sono diminuite del 70% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente.

A maggio, le vendite sono aumentate del +157% rispetto al mese precedente (-26% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno); a giugno le vendite sono aumentate del +29% rispetto a maggio, raggiungendo il +3% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

La prima metà del 2020 (risultati preliminari)

Le vendite della prima metà del 2020 sono scese a 3,1 milioni di occhiali (anno precedente: 4,1 milioni di occhiali), i ricavi IVA inclusa e le variazioni delle rimanenze hanno raggiunto 710 milioni di euro (anno precedente: 884,4 milioni di euro). Le vendite del gruppo sono state pari a 611 milioni di euro (anno precedente: 758,2 milioni di euro).

L’azienda prevede che l’utile ante imposte raggiunga almeno 35 milioni di euro (anno precedente: 127,6 milioni di euro).

Misure di liquidità

Questi risultati sono la conseguenza delle rigorose misure di riduzione dei costi adottate: per garantire la liquidità dell’azienda di famiglia e salvaguardare così i posti di lavoro, il gruppo ha tagliato tutti i costi non strettamente necessari.

Inoltre il Consiglio di Amministrazione e il Supervisory Board hanno proposto al General Meeting di non distribuire i dividendi. Attualmente non è possibile escludere una seconda ondata di Coronavirus e non sono in vista né trattamenti terapeutici, né un vaccino contro il Covid-19, per questo motivo il Supervisory Board ha accettato l’offerta del Consiglio di Amministrazione di ridurre del 20% gli stipendi fissi del management per tutta la durata della crisi.

Anche il Supervisory Board ha ridotto del 20% il proprio compenso.

Vision 2025

Fielmann continua a implementare il programma Vision 2025, promuovendo sia la digitalizzazione che l’espansione internazionale mediante investimenti significativi: il nuovo flagshipstore Fielmann ad Amburgo, inaugurato a giugno, consente ai visitatori di sperimentare per la prima volta la piattaforma omnichannel dell’azienda.

Continuano a un ritmo incalzante anche tutte le iniziative legate alla digitalizzazione del modello di business Fielmann. Anche l’espansione procede: per la fine del 2020 sta pianificando, infatti, un totale di 80 nuove aperture, trasferimenti e ampliamenti.

La maggior parte dei nuovi negozi apriranno nei mercati in crescita, quali Italia e Polonia. Attuali trattative, rendono probabile l’ingresso del gruppo in un nuovo mercato entro i prossimi 12 mesi, grazie ad un’acquisizione.

Prospettive

Sulla base di una visibile ripresa nel corso del secondo trimestre, sono previsti ricavi di oltre 1,5 miliardi di euro (anno precedente: €1,76 miliardi) per l’intero anno, vendite di gruppo di oltre 1,3 miliardi di euro (anno precedente: €1,52 miliardi) e un utile ante imposte per oltre € 100 milioni (anno precedente: € 253,8 milioni).

Questa prospettiva futura sarà possibile, solo con l’esclusione di nuove limitazioni dovute alla pandemia, che potrebbero avere un impatto sull’attività nel corso dell’anno.


Tags
    , , , ,
Top