Mirage dona a Ryder Italia 50 occhiali protettivi

Ryder Onlus, associazione accreditata presso la Regione Lazio che si occupa di assistenza domiciliare integrata a favore di pazienti con insufficienza respiratoria, oncologici e anziani fragili, potrà da oggi operare in sicurezza grazie alla preziosa donazione di Mirage Occhiali, azienda lombarda che opera nel settore eyewear da oltre 60 anni.

Sono infatti arrivati a destinazione gli occhiali di protezione che tuteleranno gli operatori di Ryder Onlus durante le attività a favore di persone parzialmente o totalmente non autosufficienti.

In questo momento, in Italia, la gran parte di medici e infermieri sono mobilitati su pazienti affetti da Covid-19, ma esiste una fascia di operatori sanitari che continua ad assistere, soprattutto a domicilio, ammalati affetti da altre patologie. Il supporto del personale sanitario della Onlus rischiava di essere compromesso dall’assenza di questi dispositivi di protezione che li esponeva, insieme ai pazienti, al rischio di contagio.

In periodi di crisi come quello che stiamo vivendo, le richieste di intervento aumentano notevolmente e senza dispositivi di protezione individuale come gli occhiali protettivi non possono più essere evase in sicurezza. Grazie alla donazione di Mirage Occhiali, è ora finalmentepossibile implementare le attività di assistenza a domicilio e il sostegno alle famiglie.

Mirage Occhiali, fondata negli anni 60 grazie allo spirito imprenditoriale di Maria Negri e di suo marito Carmine Milone, è stata la prima azienda a studiare e poi introdurre nel mercato ottico l’ormai ben noto Grilamid TR90, un nylon che nei primi anni 80 rivoluzionò il settore dell’occhialeria. Associata ANFAO (Associazione Nazionale Fabbricanti Articoli Ottici) ed espositore di MIDO, è impegnata nell’ambito della sostenibilità e della responsabilità sociale e, come altre aziende italiane, sta convertendo la produzione a favore di dispositivi che possono tutelare il nostro paese in questo momento di grande difficoltà sanitaria, economica e sociale.

Ryder Italia, dal 1984, ha assistito gratuitamente oltre 5500 famiglie. Si avvale di un’equipe multidisciplinare formata da medici, infermieri, fisioterapisti, assistenti sociali, psicoterapeuti e operatori socio assistenziali, che forniscono assistenza a domicilio ai malati (ove necessario con reperibilità h24 notturna e festiva) e sostegno alle famiglie. Tutti i servizi sono erogati in forma gratuita e, affinché ciò sia possibile, Ryder Italia conta sul concreto aiuto dei sostenitori che nel corso degli anni hanno reso possibile avviare e far crescere l’attività.


Top