Le vendite del gruppo Fielmann nel primo trimestre 2021 battono lo stesso periodo 2020 e i livelli pre-crisi.

Nel primo trimestre del 2021, il gruppo Fielmann ha generato ricavi superiori ai livelli dell’anno precedente e del periodo pre-crisi, nonostante le restrizioni legate alla pandemia.

Gli store consolidati registrano una crescita rispetto all’anno precedente, a esclusione della catena spagnola Óptica & Audiología Universitaria, acquisita a fine 2020.

I ricavi IVA inclusa e le variazioni delle rimanenze sono aumentati nei primi tre mesi del 2021 del 9% a 445 milioni di euro (anno precedente: 407 milioni).

Il fatturato consolidato è cresciuto dell’8% a circa 382 milioni di euro (anno precedente: 355 milioni).

L’utile ante imposte è salito a 41,8 milioni di euro (anno precedente: 17,6 milioni) e l’utile netto è aumentato a 28,5 milioni di euro (anno precedente: 12,1 milioni).

I risultati sono influenzati, tra le altre cose, dalla maggiorazione dei costi investiti nelle misure di protezione dal contagio. Inoltre, sono stati erogati circa 6 milioni di euro come bonus corona per tutti i collaboratori a diretto contatto con il pubblico.

Al 31 marzo 2021, il gruppo gestiva un totale di 875 negozi (anno precedente: 776), 288 dei quali dotati di centri Fielmann per apparecchi acustici (anno precedente: 209).

Fielmann è il più grande datore di lavoro in Germania nel settore ottico. Al 31 marzo registrava un totale di 21.582 dipendenti contro i 20.234 del 2019, di cui 4.277 apprendisti (anno precedente: 4.065).


Top