CONFESERCENTI CHIEDE UNA NUOVA LEGGE PER GLI OTTICI E GLI OPTOMETRISTI

In un comunicato stampa Marco Venturi, presidente della Confesercenti, avverte il governo che oltre 28.000 ottici optometristi e 10.000 aziende del settore correranno un serio pericolo se la professione di ottico non verrà disciplianta da una nuova legge. Quella attuale, infatti, risale al 1928 e non tiene conto delle necessità della categoria.
Venturi ricorda al ministro della salute Girolamo Sirchia che questo settore muove un giro d’affari di circa un miliardo di euro l’anno e che necessita un nuovo decreto ormai improrogabile.
Alla protesta si unisce anche Giampaolo Maremmi, presidente della Federazione Italiana Ottici-Optometristi, che sottolinea come, per esempio, il decreto attuale non consideri le attività legate alle nuove tecnologie di optometria (quali le lenti multifocali, a contatto o astigmatiche), e che, perciò, ne ostacoli lo sviluppo

Top